Perché il culto a Maria è un colossale inganno?

Dopo aver confutato la “inesistente” figura del papa nella Bibbia, adesso viene il turno di uno degli altri capisaldi più importanti della religione cattolica: il culto a Maria, chiamata altrimenti Madonna.

Ma chiamata in questo modo da chi, esattamente? Proprio da nessuno, o almeno, non nella Bibbia. Esatto, non importa specificarlo: ci troviamo di fronte all’ennesimo volo di fantasia della Chiesa Cattolica. E vi dirò, se si fossero limitati solamente ad affibbiare a Maria questo nomignolo ce ne saremmo anche fatti una ragione; il problema è che, come vedrete, si sono spinti ben oltre.

Partiamo però dal principio. Chi era Maria? Lo sappiamo tutti, la madre di Gesù.

Ed è per questo motivo che oggi la sua presenza, legata ovviamente alla religione cattolica, è più importante che mai. Le statue che la raffigurano riempiono le chiese; le processioni in suo onore nei vari paesi si sprecano; le vengono dedicate preghiere e intercessioni; addirittura le persone fanno pellegrinaggi in suo onore, convinti che possa venire incontro ai loro bisogni.

Insomma, tutti la conosciamo, ma quanti si sono davvero domandati se la figura di Maria sia veramente così importante come vogliono farci credere? Quanti si sono davvero informati in proposito, leggendo la Bibbia e cercando le varie parti in cui ella viene descritta?

Non preoccupatevi, non dovrete fare nessuna fatica. Ci penserò io stessa a riportarvi, qui sotto, tutti i momenti in cui vediamo Maria dopo la nascita di Gesù; e questi momenti riguardano sempre il suo rapporto con lui, che è in realtà molto diverso da come ci hanno sempre fatto credere.

(Matteo 12:46) Mentre Gesù parlava ancora alle folle, ecco sua madre e i suoi fratelli che, stando al di fuori, cercavano di parlargli. E uno gli disse: “Tua madre e i tuoi fratelli sono là fuori che cercano di parlarti”. Ma egli rispose a colui che gli parlava: “Chi è mia madre, e chi sono i miei fratelli?” E, stendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: “Ecco mia madre e i miei fratelli! Poiché chiunque avrà fatto la volontà del Padre mio, che è nei cieli, mi è fratello, sorella e madre”. (Scena ripetuta in Marco 3:31, Luca 8:16).

(Luca 2:41-51) (…) Quando i suoi genitori lo videro, rimasero stupiti, e sua madre gli disse: “Figlio, perché ci hai fatto così? Ecco, tuo padre e io ti cercavamo, stando in gran pena”. E Gesù disse loro: “Perché mi cercavate? Non sapevate che io dovevo trovarmi nella casa del Padre mio?”

(Luca 11:27) Mentre Gesù diceva queste cose, dalla folla una donna alzò la voce e gli disse: “Beato il grembo che ti portò e le mammelle che tu poppasti!” Ma egli disse: “Beati piuttosto quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica!”

(Giovanni 2:1) (…) Anche Gesù fu invitato con i suoi discepoli al matrimonio. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: “Non hanno più vino”. Gesù le disse: “Che c’è fra me e te, o donna? L’ora mia non è ancora venuta”. Sua madre disse ai servitori: “Fate tutto quel che vi dirà”.

(Giovanni 19:26) Gesù dunque, vedendo sua madre presso di lei e il discepolo che egli amava, disse a sua madre: “Donna, ecco tuo figlio!” Poi disse al discepolo: “Ecco tua madre!” E da quel momento, il discepolo la prese in casa sua.

Sicuramente avrete notato che la figura di Maria, anziché rivestire una qualsiasi importanza, è in realtà diciamo “abbassata” al semplice stato di seguace di Gesù. Egli non le conferisce nessun privilegio; al contrario, dimostra in più occasioni di non dipendere da lei, chiedendole implicitamente di non aspettarsi l’abnegazione che avrebbe avuto nei confronti del suo vero padre, cioè Dio.

Infatti, mentre le altre persone la chiamano “beata”, Gesù non intende conferirle quest’importanza particolare. Addirittura mostra di non tenere in considerazione lei e il resto della famiglia più di un qualsiasi altro suo discepolo.

L’atteggiamento di Gesù potrà sembrare forse freddo e indifferente; ma egli non era veramente di questo mondo, e non sentiva probabilmente di avere il legame di una “famiglia” perché il suo compito, in realtà, non era quello di vivere come un uomo normale, ma di dedicare l’intera sua vita terrena alla predicazione del Vangelo.

Il suo comportamento nei confronti di Maria, inoltre, ci viene riportato nella Bibbia probabilmente (ipotesi personale) per scongiurare quello che a tutti gli effetti rischiava di diventare un culto nei confronti di questa donna; ciò che poi, comunque, è realmente avvenuto. Infatti, mentre la Bibbia ci mostra con evidenza che Maria è una donna come tutte le altre e non ha nessuna importanza particolare, l’uomo ha deliberatamente ignorato ciò, rendendola oggetto di culto.

Ma fino a dove si è spinto l’uomo per giustificare questa evidente manipolazione della Scrittura? Ecco un versetto molto conosciuto:

(Luca 1:48) Da ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata, perché grandi cose mi ha fatte il Potente.

I cattolici, però, ignorano che Maria non è stata l’unica a chiamarsi “beata” nella Bibbia; in realtà sono stati chiamati così tutti i cristiani!

(Luca 11:27) Ma egli disse: “Beati piuttosto quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica!”

(Matteo 5:1-12) Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati. Beati i mansueti, perché erediteranno la terra. Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per motivo di giustizia, perché di loro è il regno dei cieli. Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia.

Oltretutto Maria non è rimasta sempre vergine dopo la nascita di Gesù, ma ha avuto altri figli:

(Matteo 12:46) Mentre Gesù parlava ancora alle folle, ecco sua madre e i suoi fratelli che, stando al di fuori, cercavano di parlargli.

Ma qual è il compito più importante che la Chiesa Cattolica ha assegnato a Maria? Quella della mediatrice tra noi e Gesù, mentre in realtà sappiamo che noi stessi possiamo invocarlo senza bisogno di altri intermediari.

(1 Timoteo 2:5) Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, che ha dato se stesso come prezzo di riscatto per tutti.

(Giovanni 14:6) Gesù gli disse: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”.

Maria non è nemmeno il nostro avvocato, o colei che ci difende:

(1 Giovanni 2:1) Se qualcuno ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo, il giusto.

Tantomeno ha la capacità di salvarci:

(Atti 4:12) In nessun altro (Gesù) è la salvezza: perché non è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati.

Dopotutto, lei stessa ha avuto bisogno della salvezza di Dio:

(Luca 1:46) L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore.

Perciò non va assolutamente adorata:

(Matteo 4:10) Allora Gesù gli disse: “Vattene, Satana, poiché sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi il culto”.

I cristiani che sono arrivati fino a qui già sapevano queste cose, mentre i cattolici, probabilmente, saranno un po’ stupiti. Ma se le cose stanno così, vi chiederete, com’è possibile che questa menzogna sia andata avanti per migliaia di anni senza che nessuno la smascherasse? Com’è possibile che nessun cattolico si sia mai sollevato proclamando la verità? Non è possibile che milioni di persone credano a una bugia tanto colossale; non è realistico!

E invece, purtroppo, lo è. Molti fattori sono complici di questa gigantesca presa in giro. L’ignoranza degli stessi cattolici, che difficilmente leggono tutta la Bibbia, e che ancora più difficilmente intendono comprenderla; e l’ostinazione della stessa Chiesa Cattolica nel rimanere così com’è, senza contraddirsi, pena la perdita di seguaci e quindi di denaro e di privilegi.

Ma il vero regista di tutto questo è Satana, che grazie alla Chiesa Cattolica ha dato alle persone l’illusione della salvezza, allontanandoli da essa invece più che mai.

Approfondirò l’argomento molto presto, non mancate!