I mariti portano stress: il nuovo studio che demolisce il matrimonio

Forse le donne si stavano sentendo un po’ abbandonate ultimamente; o forse qualcuna, nonostante la potente solfa del femminismo moderno, ha osato bisbigliare in un angolo buio della strada che non provava poi così tanto orrore all’idea di avere una famiglia, un marito e dei figli, in fondo in fondo.

Comunque stiano le cose, niente paura: ecco l’ennesimo, mirabolante articolo che viene in loro aiuto! D’altronde si sa, le donne in difficoltà vanno sempre soccorse, e rimanere immobili a guardarle affogare nel pericoloso mare della tradizione è un peccato imperdonabile.

Come già immaginerete, questo articolo riporterà sulla retta via tutte le povere ingenue che si saranno fatte abbagliare dalla luce ingannevole della famiglia. Il trailer è sempre il solito: gli uomini ci usano come serve della gleba, fare bambini ci stressa ma gli uomini di più, e senza tutto questo si diventa sicuramente centenarie.

Dall’articolo di Femalista:

Per la maggior parte delle donne, il fatto che i mariti stressino le loro mogli più dei figli non è sorprendente. In effetti, nemmeno la maggioranza degli uomini ne sarà stupita. Per i bambini, d’altro canto, sarebbe difficile da comprendere.

Potrà sorprendervi questo studio condotto dall’Università di Padova, il quale afferma che c’è qualcosa di molto più stressante dei figli: i nostri mariti.

Secondo la ricerca, il matrimonio può portare stress quanto la maternità, e può causarne addirittura di più. In questo studio, tre quarti delle donne affermano di svolgere la maggior parte dei compiti casalinghi e di portare a termine la maggior parte delle responsabilità genitoriali. Una su cinque dice che la mancanza di aiuto e supporto del marito è la causa di tutto il suo stress.

Lo studio guarda anche alla vita degli uomini, scoprendo che molti di loro fanno pesantemente affidamento sulle loro mogli per molte cose ogni giorno.

Ad essere onesti, questa ricerca è superflua perché è già stata provata dalla vita di Jessie Gallan, che ha vissuto fino a 109 anni. Prima di morire nel 2015, la centenaria ha detto che la sua lunga vita era il risultato di essere rimasta single e non aver avuto niente a che fare con gli uomini.”

Insomma, la ricetta femminista è sempre la solita: niente matrimonio, niente marito, niente figli, perché altrimenti vi stressate.

E se lui non vi aiuta almeno un po’ in casa, non importa che gli chiediate di farlo. E’ solamente un uomo, non capirebbe.

Lui, del resto, è nato solo per stressarvi e gode nel vedervi sgobbare con la scopa e la paletta; è questo il suo obiettivo nella vita, mentre il vostro è quello di essere libere, stress-free e di poter campare fino a 109 anni.

Perciò non sprecatevi a fargli capire cose così elementari; fate di meglio, non prendete proprio marito, così eliminate il problema alla radice. E non fate nemmeno figli, perché è vero che un marito vi stressa il doppio, ma anche loro non scherzano.

Condizionamento mentale, quando mai finirà?